Federconsumatori, forte di una rappresentanza di oltre mille persone coinvolte da questo caso, in relazione al Banco Popolare di Milano, incontrerà anche la dirigenza nazionale della stessa BPM mercoledì 20 giugno, a Milano.

In quell’ccasione Federconsumatori chiederà un rientro del 100% del capitale investito per ogni risparmiatore coinvolto, così come per le altre banche.

Per aggiornare I risparmiatori reggiani sull’esito dell’incontro del 20 giugno, Federconsumatori ha indetto una assemblea per il gionro 22 giugno ore 18:30 presso il Centro Sociale Trisolore di via Agosti a Reggio Emilia.

In quell’occasione I presenti saranno informati dal Presidente Trisolini e dai consulenti legali rispetto alla posizione della dirigenza BPM in relazione a quanto emerso nell’incontro del 20.

Federconsumatori e i risparmiatori BPM incontrano la Prefetto

Dopo il presidio di martedì 29 maggio 2018 in via Roma a Reggio Emilia, di fronte alla sede reggiana di BPM, la Prefetto di Reggio Emilia ha accolto la richiesta di incontro avanzata da Federconsumatori.

Il 30 maggio 2018, presso la sede della Prefettura la Prefetto Maria Forte ha ricevuto il Presidente di Federconsumatori Reggio Emilia Giovanni Trisolini, uno dei legali dell’associazione che sta seguendo il caso Giampiero Braglia e tre cittadini risparmiatori.

La Dott.sa Forte ha ascoltato con interesse le vicessitudini legate al risparmio tradito di questi cittadini che, fiduciosi rispetto alle indicazioni del loro istituto, hanno investito i loro risparmi in diamanti.

E’ altresì noto, come la stessa Prefetto ha condiviso, che questo è solo l’ultimo e grave caso di risparmio tradito e che negli anni, a partire dalla Parmalat e Cirio, passando poi dalla Lehman, dalle cooperative fallite ed infine giungendo qui, al caso diamanti, i cittadini hanno subito.

Durante l’incontro, anche grazie alla testimonianza dei risparmiatori presenti, è stato inoltre chiaro che non si tratta di grandi azionisti, ma d cittadini comuni che hanno scelto di mettere al sicuro, o almeno così credevano, i risparmi di una vita, fidandosi dell’intercessione della Banca.

Il caso più drammatico è quello legato all’operazione avvenuta presso la BPM, istituto che sino al giorno della manifestazione non ha dato alcun cenno di risposta o di interesse rispetto alla situazione e che ha spinto pertanto l’associazione a prendere una posizione decisa sia dal punto di vista politico, con la manifestazione che su quello tecnico. I legali dell’associazione infatti stanno avviando le procedure di conciliazione presso l’ordine degli avvocati.

Presidio Risparmiatori Traditi: oggi in 200 davanti alla sede reggiana di BPM

A seguito del presidio odierno, tenutosi in via Roma, di fronte all’ingresso del Banco Popolare di Milano sono stati raggiunti diversi risultati.

Il primo tra questi la grande partecipazione di cittadini/risparmiatori sia dalla provincia di Reggio Emilia che di Modena.

Duecento persone hanno infatti aderito al presidio e si sono mobilitate per chiedere ascolto e per ottenere risposte.

Fra questi vogliamo segnalare anche la presenza di cittadini non direttamente coinvolti dalla scandalo diamanti ma stanchi del comportamento che le banche hanno tenuto in questi anni, che hanno voluto portare solidarietà a chi invece, purtroppo, è in questa situazione.

Proprio durante lo svolgimento del presidio, grazie alla grande partecipazione ed affluenza, la dirigenza nazionale della BPM si è messa in contatto con il Presidente Nazionale di Federconsumatori e ha chiesto un incontro.

Si tratta già di un grande passo avanti viste le chiusure di questi giorni, frutto dell’impegno dell’associazione ma in particolare della presenza e della mobilitazione dei cittadini coinvolti, che si sono uniti e insieme hanno reso più forti le loro richieste.

E’ solo il primo passo e la strada è ancora lunga ma non ci arrendiamo e proseguiamo con la nostra campagna di iniziative: domani infatti saremo dalla Prefetto di Reggio Emilia con una delegazione di risparmiatori che porteranno le loro istanze e preoccupazioni.

Per questo vogliamo ringraziare sin da ora la Prefetto che con questo gesto manifesta grande attenzione rispetto alla cittadinanza.

Ricordiamo infine che nonostante il 20 giugno sia stato appunto convocato questo primo incontro con la dirigenza BMP, la manifestazione nazionale per tutti i truffati, a Milano NON E’ SMOBILITATA. Abbiamo intenzione di capire con chiarezza quale direzione intende prendere questo istituto prima di smobilitare l’iniziativa che resta, appunto fissata per il 29 giugno a Milano in Piazza Filippo Meda, alle ore 11:00 davanti alla sede nazionale di BPM.

MANIFESTAZIONE CASO DIAMANTI: DOMANI MATTINA MANIFESTAZIONE

+++Ricordiamo che domani mattina, alle ore 10:00, davanti alla sede reggiana di BPM, in via Roma, ci sarà la manifestazione a tutela del risparmio tradito+++

ALCUNI DATI:

– Si sono complessivamente rivolti all’associazione Federconsumatori Reggio Emilia circa 500 nuclei familiari dove uno o più componenti della famiglia hanno investito in diamanti;

– Gli istituti di credito più coinvolti sulla nostra provincia sono BPM, MPS e UNICREDIT;

– L’istituto bancario del territorio maggiormente coinvolto è la BPM. Solo sulla provincia di Reggio Emilia parliamo di un capitale investito complessivo di euro 9.870.859,28 . I nuclei familiari coinvolti sono, solo con questo istituto e solo nella provincia di Reggio Emilia, 274.

INIZIATIVE:

L’associazione ha messo in atto diverse iniziative a partire da un primo incontro pubblico a fine 2017 con il quale si sono ricevute le prime richieste di consulenza.

Successivamente un team di 5 avvocati ha ricevuto ed assistito tutti coloro che hanno richiesto anche solo una consulenza.

Gli appuntamenti sono ancora attivi e sono fissati, per i primi contatti, fino a luglio 2018.

Si sono susseguiti alcuni incontri con i referenti degli istituti. La nostra attenzione è concentrata in particolare su BPM, istituto con il quale abbiamo la stragrande maggioranza dei casi e degli investimenti e che, a differenza di tutte le altre banche (che stanno avviando o hanno avviato trattative o proposte di rimborso) non ha ancora aperto un tavolo, avanzato delle proposte o accolto le nostre.

Proprio per questo nelle ultime settimane abbiamo iniziato ad avviare una campagna informativa dedicati ai risparmiatori clienti di BPM, convocandoli in tre diversi incontri che abbiamo tenuto tra fine aprile e inizio maggio 2018.

Nel tentativo di smuovere, da un punto di vista politico, la dirigenza di questo istituto MANIFESTEREMO il 29 maggio, alle 10.00 davanti alla sede cittadina di BPM, in via Roma.

Si tratta di un presidio regionale che coinvolgerà tutte le provincie delle regione nelle quali si sono verificati casi di questo tipo.

Oltre a questa iniziativa, importantissima, volta a convogliare l’attenzione su questa banca stiamo anche per avviare la procedura della media conciliazione così da agire sia sotto il punto di vista massmediatico e politico che su quello legale e tecnico, così da tutelare a 360 gradi tutte le persone che, numerosissime e molto preoccupate, si sono rivolte a noi.

ALERT: MANIFESTAZIONE RISPARMIO TRADITO

ATTENZIONE:

La manifestazione prevista a Reggio Emilia, davanti alla sede di BPM, in via Roma, all’angolo con via Emilia San Pietro, è CONFERMATA per la data del 29 maggio 2018.

la manifestazione si terrà alle ore 10:00 davanti all’ingresso della sede BPM del centro storico.

A questo link trovate mappa del luogo in cui si terrà la manifestazione del 29 maggio:

https://www.google.it/maps/place/Banco+BPM+Spa/@44.6978236,10.6336199,18.82z/data=!4m13!1m7!3m6!1s0x47801c5a83333da3:0x543d4b41600370b9!2s6,+Via+Roma,+4,+42121+Reggio+Emilia+RE!3b1!8m2!3d44.6982382!4d10.6335476!3m4!1s0x47801c5a868a0d81:0x52e221b87f276682!8m2!3d44.6978901!4d10.6335392

Oltre alla manifestazione di Reggio Emilia del 29 maggio alle ore 10:00 in Via Roma 4/6 ci sarà anche una seconda manifestazione di carattere nazionale, alla quale parteciperanno i risparmiatori traditi di tutta Italia, il giorno 29 giugno 2018 alle ore 11:00 davanti al Banco Popolare di Milano proprio a Milano, in Piazza Filippo Meda, 7.