CASO DIAMANTI: LA CURATRICE FALLIMENTARE CONFERMA NUOVAMENTE LA POSIZIONE DI FEDERCONSUMATORI RISPETTO AL RECUPERO DELLE PIETRE

Dopo il colloquio con il curatore della settimana scorsa sui diamanti intendiamo rassicurare ulteriormente i nostri assistiti e confermare con ulteriore forza la situazione che già avevamo delineato.

Anzitutto il prossimo 8 marzo, è un termine relativo unicamente alle insinuazioni al passivo fallimentare. Anche la curatrice si è stupita delle informazioni errate o incomplete che in questi giorni si stanno sentendo da più voce.

Le istanze di restituzione delle pietre (ex art. 87 bis L.F.) non sono in alcun modo influenzate dal termine dell’8 marzo e dall’udienza dell’8 aprile.

Peraltro sarebbe sufficiente leggere le istruzioni diramate dal curatore stesso per comprendere che non si fa cenno alcuno all’8 marzo come termine rilevante anche per gli art. 87 bis L.F.

Circa il sequestro, la curatrice ha confermato che la Procura ha già preso atto del fatto che molte pietre non appartengano ai soggetti sottoposti a indagine e sequestro e quindi provvederà essa stessa a chiedere l’eventuale dissequestro.

Ricordiamo pertanto, come sempre abbiamo fatto, che non esistono scadenze imminenti per la restituzione delle pietre e che da questa settimana i nostri legali avvieranno ricevimenti 7 giorni su 7, compresi sabati e domeniche per ricevere le circa mille persone che hanno chiesto il nostro intervento e la nostra assistenza in questi giorni.

Di nuovo ribadiamo che tutti saranno chiamati, ricevuti ed assistiti nel migliore dei modi.

per Federconsumatori Reggio Emilia

L. Lusenti

939total visits,10visits today