Caso Diamanti: primo sblocco per chi ha già le pietre. Federconsumatori ricomincia a trattare per

Federconsumatori Reggio Emilia ha incontrato i propri associati per aggiornarli rispetto alle recenti evoluzioni del caso diamanti e del Banco Popolare di Milano, ex San Geminiano e San Prospero.

Gli associati hanno partecipato numerosi.

La proposta di BPM, elaborata a seguito della trattativa con Federconsumatori, potrà essere individualmente accettata o rifiutata da ogni risparmiatore che potrà valutare con i nostri legali se fare causa o firmare la transazione, non si tratta pertanto di un documento vincolante a prescindere per tutti.

Tale proposta, peraltro, ha alcune variabili basate principalmente su due fattori: l’importo dell’investimento e l’effettiva detenzione da parte del consumatore delle pietre che gli permette, se lo ritiene, di chiudere nelle prossime settimane, dopo che Federconsumatori riceverà formale proposta da bpm e sarà contattato dai nostri legali.

Per quanto concerne gli importi investiti, ad esempio, le posizioni con investimenti superiori ai 50mila euro saranno trattate individualmente già a partire delle prossime settimane con BPM, caso per caso, quelle invece sotto i 50 mila euro saranno rimborsate con una cifra che si attesta intorno 60% dell’investimento totale e i risparmiatori potranno trattenere le pietre. Con questa proposta, oltre il 90% dei nostri associati otterrà un ristoro del 60% .

Si tratta di percentuali superiori a quanto proposto fino a poco tempo fa che variavano dal 50% al 60%.

Per i consumatori che hanno già le pietre in loro possesso inizieremo a ricevere già dalla prossima settimana cercando di convocare prima chi sta aspettando da più tempo, pensiamo a chi ha aperto la pratica già nel 2017.

Chi ancora non avesse le pietre, invece, dovrà attendere la comunicazione ufficiale del curatore che ne garantisce l’effettiva presenza.

Su questo punto, a seguito di confronto con il curatore stesso, possiamo affermare che tale conferma non arriverà prima di Novembre 2019. Pertanto anche i legali di Federconsumatori procederanno con le chiamate per fissare gli appuntamenti a partire da quel periodo.

Ci teniamo a sottolineare che la posizione di Federconsumatori è quella di SCONSIGLIARE di accettare qualsiasi tipo di accordo/rimborso con la BPM a tutti coloro che non sono ancora fisicamente in possesso delle pietre o della conferma della loro presenza da parte del Curatore.

1907total visits,135visits today