Di cosa vorremmo parlarvi, di cosa vorreste vi parlassimo!

Eccoci qui!
Questa estate di cose ne sono successe davvero tante e noi vorremmo approfondirle con voi!

C’è stata una crescente preoccupazione, purtroppo motivata, per il clima. Gli incendi che hanno e stanno devastando il nostro pianeta dalla Siberia all’Alaska passando per l’Amazzonia. I ghiacciai che si sciolgono e si riversano nei nostri mari ad una velocità spaventosa. L’immobilismo della politica mondiale davanti a questi fenomeni che al contrario sono così veloci.

Oltre all’immobilismo della politica c’è la nostra incapacità di capire come davvero poter fare qualcosa, come poter essere utili, come poter cambiare le cose.

Anche di questo vorremmo parlarvi, confrontarci, capire cosa ne pensate. Noi conosciamo qualche piccolo gesto quotidiano che potremmo mettere in opera, ma nono solo. E’ importante capire anche cosa succede ai nostri rifiuti. Dove vanno quando li differenziamo, chi se ne occupa, funziona, non funziona? Che impatto ambientale ha differenziare? E non farlo? E dal punto di vista economico, cosa succede: meglio, peggio?

E poi, passando ad un altro argomento, i nostri consumi alimentari quanto e come impattano sull’ambiente? E il modo in cui riscaldiamo la nostra casa, sappiamo se è il meglio a cui potevamo aspirare, sia da un punto di vista economico, ma anche ecologico.

Abbiamo scelto il nostro contratto o è lui che ha scelto noi grazie alle insistenze di qualche venditore porta a porta. o telefonico? Si tratta invece di una utenza che abbiamo attiva da quando siamo andati a vivere in quella casa? Lo sapete che dal 1° luglio 2020 le cose cambiano, i contratti e perfino le aziende cambiano?

Avete deciso come organizzarvi, avete capito come salvaguardare i vostri interessi?

E diteci, sapete che cos’è il 5G? Sapete come funziona e che conseguenze, purtroppo anche molto gravi, potrebbe avere sulla nostra salute anche qui, a Reggio Emilia, dove sta per arrivare?

Di questo e di molto altro vorremmo parlare con voi. Suggeriteci argomenti di cui vorreste avere un’approfondimento, scrivendoci sulla nostra pagina Facebook o all’indirizzo [email protected]

Noi cominciamo da qui, fateci sapere che ne pensate. Noi siamo pronti, e voi?

 

L. Lusenti