CASO DIAMANTI: RIUNIONE RISPARMIATORI BPM 6 LUGLIO 2018

E’ convocata per il 6 luglio 2018, presso il Centro Sociale TRICOLORE di Reggio Emilia in via V. Agosti, 6, alle ore 18:30 una RIUNIONE di aggiornamento per tutti i risparmiatori che hanno investito in DIAMANTI tramite l’istituto di credito BPM.

Lo scorso 2 luglio infatti, il Presidente di Federconsuamtori di Reggio Emilia, Giovanni Trisolini insieme al Presidente Nazionale e ad alcuni legali dell’associazione ha partecipato al secondo incontro con la dirigenza di BPM, a Milano.

L’incontro del 6 luglio 2018 sarà quindi molto importante per illustrare quali sono i prossimi passaggi e quel’è l’atteggiamento della Banca rispetto alla situazione attuale.

Tutti i risparmiatori sono quindi invitati a partecipare!

Dov’è il Centro Sociale Tricolore? Clicca qui 

Energia: dal 1 Luglio sarà a disposizione il portale per confrontare le offerte PLACET. Necessario avviare al più presto una campagna istituzionale per informare i cittadini sul passaggio al mercato libero.

Sarà disponibile dal 1 Luglio il portale predisposto da ARERA e gestito dall’Acquirente Unico per agevolare la confrontabilità delle offerte sul mercato dell’energia. Un ulteriore passo avanti per informare e tutelare i cittadini in vista dell’abolizione del mercato tutelato a partire da luglio 2019.

Sono già oltre 2.000 le offerte PLACET (a Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela) pronte ad essere pubblicate sul nuovo portale, che rispettano i canoni di trasparenza definiti da un apposito Comitato tecnico composto da Antitrust, ARERA, MISE, AGCOM, Federconsumatori in rappresentanza delle Associazioni dei Consumatori, PMI e imprese venditrici.

A settembre, oltre alle offerte PLACET, sbarcheranno sulla piattaforma anche le altre offerte sul mercato libero attualmente comparabili sul Trovaofferte. Anche queste saranno comparabili, in base a dei requisiti di trasparenza, confrontabilità, contrattualistica condivisa, disposte dal tavolo consuntivo tecnico e recepite nella delibera dell’Authority.

Al momento, dalla piattaforma è assente l’offerta del mercato tutelato, che sarà inserita a partire da settembre per una migliore comparazione.

Nell’ottica di favorire la comprensione dei cittadini e garantire la trasparenza di questo importante passaggio, riteniamo fondamentale completare il percorso previsto dalla normativa, in tal senso abbiamo chiesto di predisporre:

  • Una campagna informativa istituzionale;
  • Un albo ufficiale dei venditori, già predisposto dal MISE e ora al vaglio del Consiglio di Stato.

Ci auguriamo che tale percorso porti al più presto dei risultati positivi, affinché operino sul mercato solo i venditori sicuri, seri e certificati, per una maggiore e più corretta competitività in un mercato costellato di scorrettezze ed abusi.

CASO DIAMANTI: FEDERCONSUMATORI E BPM TENTANO L’ACCORDO, MA LE VIE LEGALI RESTANO APERTE

A seguito dell’incontro tenutosi il 22 giugno 2018, nel centro sociale Tricolore, a Reggio Emilia, al quale hanno partecipato circa 200 persone seguite dall’associazione Federconsumatori Reggio Emilia, relativamente al caso diamanti si è deciso unanimemente di sospendere la manifestazione nazionale già indetta per il 29 di questo mese.

Il Presidente Trisolini, accompagnato dai legali dell’associazione, ha relazionato l’assemblea riguardo l’incontro avuto con i vertici di BPM il 20 giugno, incontro nel quale la Banca ha sottoscritto un primo impegno, rendendosi disponibile “all’avvio in tempi brevi di un percorso congiunto di valutazione delle posizioni … che possa determinare un esito positivo e di reciproca soddisfazione”.

Da Federconsumatori fanno sapere che questa disponibilità dovrà concretizzarsi in un protocollo che veda l’istituzione di un tavolo, come avvenuto per il caso Generali INA Assitalia, relativamente la restituzione a tutti i consumatori del capitale investito.

Trisolini aggiunge inoltre : “noi vogliamo ottenere per questi risparmiatori lo stesso risultato conseguito per coloro che hanno investito in diamanti con altri istituti di credito, ovvero il 100% dell’investito, nulla di meno. Pertanto riteniamo essere un primo positivo passo la disponibilità di BPM, che incontreremo nuovamente il 2 luglio. Questo, tuttavia, non arresterà il percorso legale, che già abbiamo avviato, depositando circa 200 medie conciliazioni presso l’ordine del Avvocati di Reggio Emilia”

Mantenere disponibilità ed apertura nei confronti dell’istituto è a vantaggio per consumatori/risparmiatori che si sono rivolti alla nostra associazione tanto quanto lo è tenere aperte le vie legali così da garantire la massima tutela tecnica e politica.

Per info 0522/433171


Uff. Stampa Federconsumatori Reggio Emilia

Federconsumatori, forte di una rappresentanza di oltre mille persone coinvolte da questo caso, in relazione al Banco Popolare di Milano, incontrerà anche la dirigenza nazionale della stessa BPM mercoledì 20 giugno, a Milano.

In quell’ccasione Federconsumatori chiederà un rientro del 100% del capitale investito per ogni risparmiatore coinvolto, così come per le altre banche.

Per aggiornare I risparmiatori reggiani sull’esito dell’incontro del 20 giugno, Federconsumatori ha indetto una assemblea per il gionro 22 giugno ore 18:30 presso il Centro Sociale Trisolore di via Agosti a Reggio Emilia.

In quell’occasione I presenti saranno informati dal Presidente Trisolini e dai consulenti legali rispetto alla posizione della dirigenza BPM in relazione a quanto emerso nell’incontro del 20.

Federconsumatori e i risparmiatori BPM incontrano la Prefetto

Dopo il presidio di martedì 29 maggio 2018 in via Roma a Reggio Emilia, di fronte alla sede reggiana di BPM, la Prefetto di Reggio Emilia ha accolto la richiesta di incontro avanzata da Federconsumatori.

Il 30 maggio 2018, presso la sede della Prefettura la Prefetto Maria Forte ha ricevuto il Presidente di Federconsumatori Reggio Emilia Giovanni Trisolini, uno dei legali dell’associazione che sta seguendo il caso Giampiero Braglia e tre cittadini risparmiatori.

La Dott.sa Forte ha ascoltato con interesse le vicessitudini legate al risparmio tradito di questi cittadini che, fiduciosi rispetto alle indicazioni del loro istituto, hanno investito i loro risparmi in diamanti.

E’ altresì noto, come la stessa Prefetto ha condiviso, che questo è solo l’ultimo e grave caso di risparmio tradito e che negli anni, a partire dalla Parmalat e Cirio, passando poi dalla Lehman, dalle cooperative fallite ed infine giungendo qui, al caso diamanti, i cittadini hanno subito.

Durante l’incontro, anche grazie alla testimonianza dei risparmiatori presenti, è stato inoltre chiaro che non si tratta di grandi azionisti, ma d cittadini comuni che hanno scelto di mettere al sicuro, o almeno così credevano, i risparmi di una vita, fidandosi dell’intercessione della Banca.

Il caso più drammatico è quello legato all’operazione avvenuta presso la BPM, istituto che sino al giorno della manifestazione non ha dato alcun cenno di risposta o di interesse rispetto alla situazione e che ha spinto pertanto l’associazione a prendere una posizione decisa sia dal punto di vista politico, con la manifestazione che su quello tecnico. I legali dell’associazione infatti stanno avviando le procedure di conciliazione presso l’ordine degli avvocati.